W3vina.COM Free Wordpress Themes Joomla Templates Best Wordpress Themes Premium Wordpress Themes Top Best Wordpress Themes 2012

Cos’è per te Violenza?

Scrivici la tua opinione personale.

3 Comments

  • Marta Lodola

    La violenza è un problema sociale sia per l’impatto che questa provoca sulle persone che la subiscono, sia per il meccanismo che viene innescato nelle persone che la usano come metodo di dominio.
    Violenza è anche sintomo di un disagio personale, che spinge a imporre la propria persona torturando psicologicamente e fisicamente l’altro perché non si conosce altro mezzo per curare le proprie insicurezze.
    La violenza, di ogni tipo è abominevole, frustrante, inaccettabile, proprio perché costringe alla sofferenza senza lasciare un’apparente via di uscita.

  • Barbara Novara

    Violenza: non è fatta di graffi, non è fatta di lividi. La violenza è qualcosa che ti accarezza dentro in modo morboso e sinuoso: qualcosa che si lega pian piano al tuo modo di pensare, fino a trasfigurare anche il tuo reale modo di fare. Senza accorgeretene passi dal ruolo della vittima al diventare l’aiutante del tuo carnefice ed acconsenti alla violenza perché quella inizia a definire il perimetro delle tue ansie e così scegli la tua stessa gabbia come guscio, perché tutti quelli, quelli là fuori, infondo non ti hanno aiutato.

    Sai che c’è?! Non lo faranno come ne hai bisogno tu e non verrà nessuno a farlo. Quando realizzi che nessuno arriverà a salvarti, allora capisci che puoi scegliere: essere dentro o fuori dalla gabbia?

    Questa non è una gabbia fatta di sbarre, è una gabbia interiore che ti ha piantato catene e sbarre psicologiche dentro: ecco perché è così difficile da forzare ma quando la vedi, se vuoi lo puoi fare.

    Io l’ho fatto.
    L’ho fatto forzando forme di violenza, più o meno manifeste, l’ho fatto ribellandomi al senso di sicurezza che mi dava la mia gabbia. L’ho fatto perché non ero più io e volevo capirmi e conoscermi. L’ho fatto cambiando pelle 7 volte e mi ha aiutato soprattutto il teatro: per diventare qualcuno non dovevo più essere me e non essendo me, riuscivo a vedere meglio dove sbagliavo e così ritentavo.

    Ci vuole coraggio e, non ti mentirò, dovrai soffrire proprio come lo fa ogni bruco per uscire dal bozzolo ma dopo, se ti fiderai di te e delle tue forze, potrai volare e librarsi in volo, anche per un solo istante, vale la pena di tutta questa sofferenza.

    Sarai libera come una farfalla ma dovrai imparare a diventare forte e fiera come un aquila perché se noti, quelle non le cattura quasi nessuno.

    Scopri chi sei, cosa vuoi e vola di conseguenza.

  • Elisabetta

    Per me la violenza è quando la salute delle donna (che sia fisica o mentale) viene considerata meno importante di un feto inconscio.

Leave a reply

required

required

optional